Come scoprire se un sito ha Analytics

Come scoprire se un sito ha Analytics

Ti basta 1 minuto per verificare l’uso di Analytics su una pagina web

Capita spesso nel mestiere del webmaster di dover mettere mano a siti già creati da altri operatori magari molti anni prima, e ancora più frequentemente di imbattersi in clienti che non hanno idea di come sia stato sviluppato il loro sito e di quali sistemi di tracciamento o analisi vi siano attivati. Quando si subentra in un progetto web è bene prendere tutte le precauzioni del caso, salvando una “fotografia” totale dello stato del sito che si sta ereditando (dal backup allo stato del posizionamento, dai link già indicizzati alle statistiche di traffico e conversione) anche per evitare di sentirsi dire un domani frasi del tipo:«Il mio sito prima aveva mille visite al mese» senza poter controbattere con dati alla mano.

Nel caso di Analytics, per rompere gli indugi e soprattutto per evitare di perdere lo storico delle statistiche, puoi usare un metodo semplicissimo per verificare se il sito ha attivo Analytics: l’estensione di Google Chrome chiamata Tag Assistant.

Aggiungi l’estensione al browser, poi naviga il sito che ti interessa analizzare e, dopo aver attivato l’iconcina del tag in alto a destra, clicca sul pulsante “Record”. A questo punto il Tag Assistant eseguirà una rapida scansione per verificare l’uso di Analytics e altri tools sulla pagina web.

 

Analizzando ad esempio il sito di Eataly abbiamo la conferma che vi è attivo Analytics e ne vediamo anche il codice di monitoraggio, inoltre scopriamo che ha altri due tag relativi al remarketing.

È doveroso specificare che non potrai in nessuno modo agire sull’account Analytics in questione, ma in compenso avrai un punto di partenza: saprai con certezza se il sito è già associato ad un account Analytics e potrai richiedere al precedente web master la proprietà tramite il codice di monitoraggio corretto, evitando di creare duplicati.